© 2023 by Name of Site. Proudly created with Wix.com

    REGOLAMENTO COPPA ITALIA PER RAZZE DA FERMA CONTINENTALI

    Approvato dal Consiglio Direttivo ENCI del 5 Ottobre 2015

    REGOLAMENTO COPPA ITALIA PER RAZZE DA FERMA CONTINENTALI

    Approvato dal Consiglio Direttivo ENCI del 5 Ottobre 2015

     

    Art. 1 DEFINIZIONE

    La Coppa Italia è una manifestazione riservata alle Associazioni di razza dei cani da ferma Continentali, italiani ed esteri, che partecipano con una squadra rappresentativa della relativa razza. La manifestazione include anche la proclamazione del vincitore individuale.

    Art. 2 PARTECIPAZIONE

    Sono invitate a partecipare tutte le Associazioni di razze Continentali da ferma riconosciute dall’ ENCI.

    Art. 3 SCOPI DELLA MANIFESTAZIONE

    Valorizzare le razze da ferma Continentali allevate in Italia e tutelate dalle relative Associazioni di razza riconosciute dall’ ENCI, evidenziando i cani in possesso delle qualità richieste, attraverso il vaglio di tre prove ed una verifica morfologi­ca.

    Art. 4 SVOLGIMENTO

    La manifestazione si svolge in due giorni: nel primo giorno ha luogo una “ prova di caccia” su tutta la selvaggina naturale, una prova di riporto dall’acqua profonda, nonché una valutazione morfologica con riferimento allo standard di razza e dei regolamenti ENCI; nel secondo giorno è prevista una “ prova di caccia su tutta la selvaggina naturale con selvatico abbat­tuto” .

    Art. 5 PUNTEGGI

    Punteggio ottenibile nelle prove di caccia:

    CACIT punti 25; Ris. CACIT punti 24; CAC punti 23; 1° Ris. CAC punti 22; 2° Ris. CAC punti 21; 1° Ecc. punti 20; 2°

    Ecc. punti 18; 3° Ecc. punti 17; Ecc. punti 16: 1° M.B. punti 14; 2° M.B. punti 13; 3° M.B. punti 12; M.B. punti 11;

    CQN punti 10; 2° Buono punti 10; 3° Buono punti 9; Buono punti 8.

    Punteggio ottenibile con il riporto dall’acqua.

    La partecipazione alla prova di riporto dall’acqua alta è obbligatoria: al soggetto che non si presenta, verrà escluso dalla squadra ed annullato ogni punteggio conseguito dal soggetto. Detto soggetto non potrà essere sostituito dalla riserva. La prova si dovrà svolgere con il conduttore posto in attesa del riporto ad una distanza dall'acqua possibilmente di una decina di metri, e comunque distante dalla riva, (di seguito indicata come “ distanza regolamentare”), tenendo conto delle differenti possibilità di realizzazione al modificarsi delle diverse situazioni logistiche.

     

    Prestazioni e relativo punteggio:

    > Entra immediatamente in acqua, nuota con facilità, recupera il selvatico, e lo consegna prontamente al conduttore po­sto alla distanza regolamentare: punti 2;

    > Entra in acqua dove nuota con difficoltà, ma esegue comunque il riporto consegnando il selvatico al conduttore che lo attende alla distanza regolamentare: punti 1,5;

    > Entra in acqua con riluttanza e/o nuota con difficoltà e/o consegna il selvatico, dopo divagazioni ed incertezze nell’esecuzione, abbandonandolo sulla riva: punti 1;

    > Non entra in acqua e/o entra in acqua ma non porta il selvatico al conduttore che lo attende a distanza regolamentare: punti 0;

     

    Punteggio ottenibile dalla valutazione morfologica:

    Scarso: punti 0; Accettabile: punti 2; Soddisfacente; punti 4.

    I Punteggi di cui sopra sono espressi per ciascuno dei tre parametri di cui alla scheda di valutazione, ovvero: testa; morfologia generale; angolazioni. Per ogni soggetto valutato è quindi disponibile un massimo di 12 punti.

    Al punteggio ottenuto nella valutazione morfologica viene applicato un coefficiente dello 0,10 cosicché il contributo al

    punteggio globale diventi al massimo punti 1,2.

    Il punteggio della squadra sarà pari al punteggio medio, ovvero la somma dei singoli punteggi, divisa per il numero di soggetti componenti la squadra o comunque ritenuti giudicabili, così da non penalizzare la squadra eventualmente rappresentata da meno di sei soggetti.

     

    Punteggio di merito aggiuntivo:

    Ai soggetti che si classificano nelle due prove di caccia ed ottengono il massimo punteggio nella prova di riporto

    dall’acqua, verrà attribuito un punteggio aggiuntivo pari a punti 3.

     

    Art. 6 CLASSIFICHE

    La somma dei punteggi ottenuti nelle tre singole prove, più il punteggio ottenuto nella valutazione morfologica, più l’eventuale punteggio di merito aggiuntivo, darà la classifica individuale e assegnerà il relativo titolo. Sommando i risultati dei cinque migliori classificati per ogni razza si otterrà il risultato che proclamerà la squadra vincitrice della Coppa Italia (in pratica escludendo il peggior risultato dei sei componenti la squadra).

     

    Art. 7 SVOGIMENTO DELLE PROVE

    Le prove di caccia saranno suddivise in batterie nelle quali le singole razze verranno rappresentate il più equamente possi­bile. Le batterie verranno organizzate in numero di almeno 4, (quattro) e, nel caso in cui i soggetti partecipanti alla Coppa Italia raggiungano un numero maggiore di 34, (trentaquattro), saranno 5, (cinque); le batterie così formate il giorno ante­cedente la prima prova, resteranno invariate per ambedue le giornate, invertendo al secondo giorno solamente l'ordine di partenza dei turni.

     

    Art. 8 GIURIE

    Le Giurie saranno composte da esperti giudici nominati direttamente dall' ENCI, in numero tale da garantire la presenza di due per batteria. l’ENCI si assumerà il carico economico derivante dall’ospitalità nonché ai rimborsi delle spese di viaggio spettante agli esperti giudici nominati dall’ ENCI. La giurie di ogni batteria verranno formate con estrazione il giorno prece­dente l'inizio della Coppa Italia; le giurie rimarranno invariate per i due giorni ma nel secondo giorno si scambieranno le batterie scalando di una posizione: la giuria che al primo giorno ha verificato la batteria n° 1 al secondo giorno giudicherà la 5, (o la 4 se le batterie in totale sono 4), dalla 2 alla 1 e così via. Ogni giuria indicherà un proprio rappresentante a va­lutare la prova di riporto dall’acqua che verrà spletata al rientro di tutte le batterie e dopo la valutazione morfologica. Non potranno essere ratificati quali Esperti Giudici in verifica alla Coppa Italia coloro che sono stati designati come selezionato­ri delle differenti squadre, per i quali le rispettive Associazioni di razza dovranno dare comunicazione al Comitato organiz­zatore di turno antecedentemente la richiesta da parte di questo all' ENCI per la ratifica degli Esperti Giudici. (Almeno due mesi prima della data dell'evento).

     

    Art. 9 RAPPRESENTATIVE

    Ogni associazione di razza formerà la propria rappresentativa con un massimo di sei cani. All’atto dell’iscrizione, ciascuna Associazione comunicherà i nominativi dei sei titolari e di una o due riserve. La composizione definitiva della squadra, cioè l’eventuale sostituzione di uno o due titolari con una o due riserve dichiarate all’atto dell’iscrizione, dovrà essere ufficial­mente comunicata all’ente organizzatore della Coppa Italia entro e non oltre il momento di formazione delle batterie e l’estrazione delle giurie nel giorno che precede l’inizio della manifestazione, dopo di che nessuna sostituzione potrà avere luogo e l’eventuale impedimento alla partecipazione di uno o più cani iscritti si tradurrà in una decurtazione del numero dei componenti della squadra ed entrambi i soggetti correranno nella stessa batteria. Ogni conduttore non potrà essere presen­te con più di due soggetti in assoluto; almeno due terzi della squadra dovrà essere composta da cani nati in Italia (minimo quattro cani).

     

    Art. 10 PREMI

    All’Associazione di razza vincitrice verrà assegnata una coppa denominata “ COPPA ITALIA” in argento realizzata in modo da poter essere inciso, per ogni edizione, il nome della rappresentativa premiata. La coppa passerà di anno in anno fra le rappresentative vincenti. La Coppa verrà assegnata definitivamente all’Associazione di razza che vincerà la manifestazione per tre volte anche non consecutive. Al vincitore del titolo individuale verrà assegnato un trofeo. Verranno premiati i primi tre classificati di ogni batteria. Ogni componente della rappresentativa verrà omaggiato di un oggetto ricordo della manifestazione.